martedì 20 aprile 2021

RECENSIONE IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA

IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA * Paolo Genovese * Einaudi editore * pagg. 312



Un uomo, due donne e un ragazzino convinti di aver toccato il fondo incontrano un personaggio misterioso che gli regala sette giorni per scoprire come andrà avanti il mondo senza di loro, quello che lasciano, i loro affetti, i loro cari, il lavoro. E, se possibile, per trovare la forza di ricominciare e innamorarsi di nuovo della vita.


🌟🌟

Come sarebbe il mondo senza di noi?

Piacerebbe vedere il futuro, quello dei nostri cari, senza di noi? Vederlo come in un film?

Un uomo misterioso si trova a dover svolgere una missione: cercare di far cambiare idea a coloro che hanno deciso di mettere fine alla propria vita. 

In che modo?

Facendo vivere sette giorni in un mondo che ormai li ha salutati e che programmerà le giornate tenendo conto della loro assenza. Servirà a far recedere Daniel, Napoleon, Aretha e Emily dalle loro intenzioni che sembrano ormai decise?

"Quanti ricordi belli può contenere la mente di una persona? Milioni o forse più. Ma allora perché ne basta uno solo, tremendo, per annientare gli altri?"

Paolo Genovese, regista italiano, ci presenta questa storia scritta come una sceneggiatura di un film: minuziose le descrizioni, soprattutto degli ambienti. Nulla è lasciato all'immaginazione. 

Se nella prima parte la scrittura ipnotizza tanto da non lasciare spazio a domande che sarebbero del tutto naturali per una storia del genere, andando avanti si fa avanti la noia per degli eventi che non coinvolgono e sembrano non avere un'evoluzione. 

Ho perso interesse nella lettura, tanto da pensare di abbandonarlo, ma ho resistito e non mi sono pentita perché almeno il finale ha riservato un leggero guizzo che però non ha compensato assolutamente l'insoddisfazione nell'aver letto una storia che, oltretutto, non mi è parsa molto originale.

Direi che la penna di Genovesi mi attira, ma l'idea di fondo, la storia, l'ho trovata debole, fragile.

Nonostante ciò non voglio escludere la lettura di altri suoi romanzi, così come sono curiosa di vedere l'adattamento cinematografico di quest'opera. 

Nessun commento:

Posta un commento